Animali

Vaccinazione contro la rabbia nei gatti

Pin
Send
Share
Send
Send


La necessità di vaccinare i gatti per lungo tempo nessuno è in dubbio. Tuttavia, molti proprietari di gatti, specialmente quelli che non vengono da casa, dubitano della necessità di vaccinare i loro animali domestici per la rabbia. Nel frattempo, la rabbia è una malattia mortale, la cura per la quale ancora non esiste. Perché è necessario un vaccino antirabbico, quanto e quando è necessaria una vaccinazione antirabbica per un gatto che rimane fuori casa, può farlo a casa - tutte queste domande saranno trattate in questo articolo.

Un gatto ha bisogno di un vaccino contro la rabbia?

Diamo un'occhiata a tutti i casi in cui un gatto può avere la rabbia anche a casa. Il virus nella saliva degli animali malati appare 10 giorni prima dell'inizio dei sintomi visibili della malattia. Pertanto, un animale domestico con un cagnolino carino e apparentemente innocuo può trasformarsi in grossi problemi per la famiglia.

Sembra una vaccinazione naturale per un animale domestico, che trascorre la maggior parte della giornata in strada. Come può un gatto che non va fuori infettare:

  1. Ai piani inferiori, il gatto può semplicemente fuggire in strada attraverso una finestra aperta.
  2. L'appartamento contiene altri animali che camminano regolarmente (cani, per esempio).
  3. I roditori (ratti, topi), che possono anche essere portatori della malattia, entrano in casa.
  4. Kota che riposa sul balcone può beccare piccioni o pipistrelli malati.

In quali casi è necessario vaccinare un gatto:

  • quando vai all'estero,
  • prima di partecipare a mostre,
  • prima della sovraesposizione
  • partecipare alla riproduzione,
  • L'animale domestico vive in un'area disfunzionale della rabbia.

Questi sono tutti casi in cui è richiesto un certificato di vaccinazione dal proprietario dell'animale. Tuttavia, in base alle regole di trasporto nel trasporto pubblico, i gatti non sono autorizzati a essere trasportati se non sono stati vaccinati contro la rabbia.

Il marchio di vaccinazione è inserito nel passaporto dell'animale e deve essere confermato dal sigillo e dalla firma del medico. Il vaccino deve essere somministrato entro 11 mesi prima dell'evento, ma non oltre un mese - l'animale deve avere il tempo di formare un'immunità. La prima vaccinazione antirabbica viene solitamente posta su un gattino, ma in assenza di essa può essere somministrata a qualsiasi età.

Quanto spesso un gatto vaccino contro la rabbia

Ogni proprietario della coda è interessato alla domanda sulla frequenza con cui una vaccinazione antirabbica dovrebbe essere somministrata a un gatto. In questo caso, tutto dipende dal vaccino. Il numero prevalente di vaccini richiede una rivaccinazione annuale. Ma la Nobivack Rabies olandese forma un'immunità di 3 anni negli animali. Nonostante ciò, se è necessario ottenere un certificato dal servizio veterinario, ad esempio, per viaggiare all'estero con un animale domestico, si dovrà considerare la presenza di un gatto vaccino contro la rabbia negli ultimi 11 mesi, indipendentemente dal vaccino usato.

Condizioni di vaccinazione

I tempi della vaccinazione possono variare. Una parte dei sarti mette il primo vaccino ai loro animali domestici all'età di tre mesi. È durante questo periodo che ai gatti viene solitamente somministrato un vaccino completo contro altre malattie. Se sei vaccinato contro la rabbia per qualsiasi necessità prima dei 3 mesi di età, allora in 3 mesi dovrà essere fatto di nuovo. Alcuni catowners preferiscono essere vaccinati più tardi - dopo che i denti del bambino sono scoppiati. Di solito ha 4-5 mesi.

La prima vaccinazione per gatti adulti viene effettuata 2 volte, con un intervallo di 2-3 settimane. Ogni volta che viene somministrata la prima vaccinazione, la vaccinazione antirabbica viene effettuata esattamente un anno dopo. È durante l'anno che l'immunità si è sviluppata nelle opere degli animali.

Non viene somministrata alcuna vaccinazione a gattini, gatti, animali che sono stati sottoposti a intervento chirurgico e sottoposti a intervento chirurgico, ad es. fino alla fine del periodo di riabilitazione, entro due settimane dalla fine della terapia antibiotica.

Prepararsi per la vaccinazione

Non puoi decidere di essere vaccinato e andare subito dal veterinario. La preparazione obbligatoria per la vaccinazione è necessaria in modo che, in primo luogo, sia il più efficiente possibile, e in secondo luogo, l'animale domestico non ha effetti collaterali.

Cosa è incluso nella preparazione per la vaccinazione?

  1. vermifugo - liberare il gatto dai vermi probabilmente esistenti. Di norma, la probabilità di rilevare worm da un'analisi è estremamente ridotta. Pertanto, al fine di non perdere tempo in numerosi studi consecutivi, i gatti somministrano immediatamente secondo le istruzioni farmaci come Drontal, Dekaris, Pyrantel.
  2. Liberarsi di una pulce fare il bagno negli shampoo da zoo.

Per circa una settimana prima della vaccinazione, è necessario monitorare più da vicino lo stato di salute dell'animale. Temperature in aumento, moccio, congiuntivite - tutte queste malattie devono essere curate.

Principali tipi di vaccini

Esistono diversi tipi di vaccini dai quali il proprietario di un gatto può scegliere. Molto spesso, le cliniche veterinarie comunali invitano i proprietari di animali a ottenere un vaccino antirabbico gratuito durante le campagne di vaccinazione gratuite. A volte le cliniche private sono collegate a questi eventi. Scopri il momento dell'azione può essere sul sito web dell'organizzazione. Un vaccino gratuito viene solitamente somministrato da vaccini domestici.

I vaccini sono classificati per tipo di azione su:

  1. Complesso: lavora contro numerosi agenti infettivi virali.
  2. Monovaccine - lavorando contro un agente patogeno specifico.

Inoltre, tutti i vaccini possono essere suddivisi in:

  • inattivato o morto,
  • dal vivo - contenente un virus indebolito. Tali vaccini formano rapidamente l'immunità, ma hanno maggiori probabilità di causare complicazioni. I vaccini vivi vengono somministrati due volte al mese,
  • geneticamente modificato,
  • farmaci in cui l'agente infettivo è diviso.

Nella medicina veterinaria tradizionale vengono utilizzati polipaccini vivi o inattivati. Le più popolari sono le seguenti vaccinazioni contro la rabbia per la rabbia:

  • Vaccinazione rabikan - farmaco domestico che forma la risposta immunitaria, a partire dal 7 ° giorno dopo l'introduzione e termina il 30 ° giorno. L'immunità persiste dopo la vaccinazione per un anno. Se il vaccino viene somministrato 2 volte con un intervallo di 30-50 giorni, l'immunità continuerà per 2 anni.
  • Nobivac Rabies è un vaccino olandese efficace che forma una risposta immunitaria 21 giorni dopo la somministrazione. L'immunità persiste per tre anni. Questo vaccino è usato per vaccinare i gatti domestici. Se il gatto vive in una zona sfavorevole per la rabbia, allora viene vaccinato per la prima volta 2 volte - a 8 settimane ea 3 mesi.
  • Rabizin - vaccino contro la rabbia francese. Già 14-21 giorni dopo la vaccinazione il corpo forma una risposta immunitaria, che persiste per 36 mesi. La rivaccinazione viene eseguita annualmente, ma il proprietario del gatto dovrebbe sapere che se è in ritardo per la vaccinazione, non accadrà nulla di terribile.

Come comportarsi con il proprietario dopo la vaccinazione

Dopo la vaccinazione, il proprietario dell'animale domestico deve monitorare le condizioni del suo animale domestico. Sonnolenza e inattività il primo giorno dopo la vaccinazione è una condizione normale. Kitty può iniziare a rifiutare di nutrirsi, può leggermente aumentare la temperatura. Al terzo giorno tutti questi fenomeni passano da soli.

Per le successive 2-3 settimane dopo la vaccinazione, il gatto non dovrebbe essere permesso di uscire in strada, bagnato e permesso di contattarla con animali che camminano. È impossibile prevenire l'ipotermia, il verificarsi di situazioni stressanti. L'immunità in un gatto sarà pienamente formata solo dopo 20 giorni.

La rabbia è una malattia pericolosa che conduce unicamente alla morte di un animale domestico peloso. Nel 40% dei casi, i bambini sotto i 15 anni vengono attaccati da animali malati. Per non mettere a repentaglio la salute e il benessere della famiglia, è meglio vaccinare contro gli animali domestici tutti gli animali, inclusi i gatti, in anticipo.

Qual è la rabbia nei gatti?

La rabbia è una malattia virale, il cui agente causale colpisce il sistema nervoso degli animali a sangue caldo e gli esseri umani, causando cambiamenti irreversibili nel cervello, portando alla morte.

Al momento, gli scienziati non sono stati in grado di sviluppare un farmaco in grado di curare un animale infetto e il tasso di mortalità è del 100%. Pertanto, è necessario sapere che cosa è la rabbia nei gatti, quali sono le vie della sua diffusione, i metodi di infezione e le misure preventive.

La trasmissione del virus viene effettuata per contatto diretto con un animale infetto al momento del morso, così come dopo il contatto della saliva con la pelle e le mucose, che hanno anche danni microscopici.

I gatti domestici vengono infettati da:

  • morsi,
  • mangiare topi, topi portatori di rabbia,
  • contatto con oggetti su cui è caduta la saliva contenente il virus.

Dovresti sapere che il pericolo non è solo il morso di un gatto, ma anche i graffi causati da esso, poiché ci sono un gran numero di agenti patogeni sugli artigli. Per i cani, questo metodo di trasmissione della malattia non è tipico, in quanto non hanno l'abitudine di leccarsi le zampe.

È importante! Il virus della rabbia persiste nell'ambiente nella stagione calda per non più di tre giorni, a condizione che non sia esposto alla luce solare diretta.

L'ebollizione e l'ultravioletto uccidono entro un minuto e mezzo. Ma a temperature negative, l'agente patogeno viene preservato e mantiene la sua vitalità fino a quattro mesi. Nei cadaveri degli animali rimane attivo per 3-4 mesi, indipendentemente dalla stagione.

Periodo di incubazione

La durata della fase latente della rabbia nei gatti varia da cinque giorni a sei mesi.

Il periodo di incubazione è determinato da:

  • età, taglia e peso dell'animale,
  • la vicinanza del luogo di penetrazione del virus al cervello,
  • il volume dei tessuti danneggiati e il numero di microrganismi catturati,
  • la stabilità delle cellule nervose dell'animale domestico ai fattori dannosi dell'agente patogeno.

Attaccandosi alle terminazioni nervose nel punto di penetrazione, il virus inizia a muoversi nella direzione del cervello ad una velocità media di 3 mm / h, lungo la via che colpisce le ghiandole salivari. Ciò spiega il fatto che l'animale diventa il distributore della malattia per 8-10 giorni prima dell'inizio dei segni clinici.

Fase di aggressione

In questa fase, i sintomi che sono chiaramente indicativi della rabbia diventano evidenti. Questi includono:

  • secrezione persistente di grandi quantità di saliva
  • la rabbia,
  • risposta inadeguata agli stimoli abituali (luce, suoni, tatto),
  • rifiuto di nutrirsi, ma allo stesso tempo di mangiare oggetti inadatti al cibo,
  • febbre,
  • strabismo,
  • periodi di aggressione irragionevole, durante i quali l'animale inizia a mostrare una forza insolita,
  • convulsioni e paralisi corta.

La rabbia con rabbia è causata da spasmi dolorosi della faringe durante un tentativo di fare un movimento di deglutizione. Ma l'animale, non capendo questo, vede la fonte del dolore nell'acqua, quindi, a livello subconscio, evita qualsiasi contatto con esso.

Il desiderio di nascondersi dalla luce del giorno è dovuto agli spasmi della cornea e della lente dell'occhio, che sono anche accompagnati da una potente sindrome del dolore.

Fase paralitica

A questo punto, l'aggressività svanisce gradualmente, sostituita dalla debolezza e dall'apatia. Ciò è dovuto al fatto che non esiste più forza nel corpo di un animale esausto a questo punto. La situazione è aggravata dalla rottura degli organi interni e da frequenti prolungati attacchi di paralisi. La morte si verifica in 1-2 giorni a causa di arresto cardiaco e paralisi dei muscoli respiratori.

Regole per vaccinare i gatti per la rabbia

Secondo le regole di vaccinazione dei gatti contro la rabbia, questo trattamento preventivo è obbligatorio nei seguenti casi:

  • vivere in una località dichiarata sfavorevole a questa malattia,
  • partecipazione a mostre e altri eventi pubblici,
  • pedigree allevamento,
  • attraversando il confine del paese
  • Sovraesposizione in hotel per gatti o gattile.

Le informazioni sulla vaccinazione sono inserite nel passaporto veterinario del cane con l'indicazione esatta del nome del farmaco, la sua data di scadenza, il metodo e la data di somministrazione. In alternativa, il medico può incollare l'etichetta della bottiglia del vaccino, timbrare e firmare.

La vaccinazione annuale gratuita in tutte le località è un evento di massa. Le date e i luoghi esatti per esso sono riportati nei mass media locali, oltre a pubblicare annunci.

Per la vaccinazione non programmata, è necessario contattare una clinica veterinaria pubblica o privata.

"Pro e contro" di vaccinazione

Valutando tutti i pro e i contro della vaccinazione antirabbica, i proprietari sostengono il loro rifiuto con il contenuto puramente domestico dei loro animali domestici. Certo, è indiscutibile che nei gatti che non escono dalle case o dagli appartamenti cittadini, il rischio di essere infetti è ridotto al minimo. Ma ancora non possiamo escludere il verificarsi delle seguenti situazioni:

  • colpo casuale sulla strada (durante la caccia sessuale senza accoppiamento, molti animali tendono a fuggire dalla casa),
  • penetrazione dei roditori infetti in casa,
  • contatto con animali malati in una clinica veterinaria o durante il trasporto.

Un fatto interessante! Nella pratica veterinaria, sono stati registrati casi isolati di infezione di animali domestici da parte di pipistrelli che volavano attraverso finestre aperte.

Ma la negligenza dei proprietari che non vogliono vaccinare i loro gatti, camminando liberamente per strada (specialmente nelle zone rurali), spesso colpisce gli specialisti veterinari. Discutono del loro rifiuto con la paura di gravi conseguenze o "storie reali dell'orrore" sui gatti che si ammalano di rabbia dopo la vaccinazione.

Ma il fattore più comune è "forse russo". La frase "hanno mantenuto tutta la loro vita, e nulla era senza le tue vaccinazioni" è già diventata un classico.

Tale negligenza e analfabetismo, purtroppo, è diffuso ovunque, portando a tragedie associate alla morte di animali domestici pelosi da una malattia fatale ea volte dall'infezione dei membri della famiglia.

Vaccino contro la rabbia nei gatti

La scelta del vaccino contro la rabbia nei gatti dipende dalle preferenze degli specialisti di ogni particolare clinica ed è determinata dall'efficacia e dalla facilità d'uso. Un ruolo importante è svolto dalla scelta del fornitore. In primo luogo, il veterinario deve essere sicuro dell'originalità del farmaco e della sua data di scadenza corretta. In secondo luogo, le condizioni di trasporto sono molto importanti, poiché al fine di preservare le caratteristiche qualitative, il vaccino deve essere trasportato in contenitori termici.

Per la prevenzione della rabbia vengono utilizzati solo vaccini inattivati ​​che non possono provocare la manifestazione clinica della malattia.. I ceppi di patogeni "uccisi" possono essere parte di farmaci mono- e polivalenti, la cui adeguatezza è determinata da uno specialista in medicina veterinaria, a seconda dello stato fisiologico dell'animale, dell'età, dell'esistenza di una minaccia di infezione.

I vaccini più popolari sono:

  • Rabikan (Russia),
  • Rabizin (Francia),
  • Nobivac rabies (Paesi Bassi),
  • Quadricat (Francia),
  • Defensor-3 (USA)
  • Fel-o-vax 4 (Stati Uniti).

Gli esperti consigliano di condurre la prima e la rivaccinazione con lo stesso farmaco.

Età per la prima vaccinazione

L'età ottimale per la prima vaccinazione nei gattini è di 3 mesi. Se ciò non fosse possibile a causa di qualsiasi circostanza, la vaccinazione viene effettuata dopo la fine del cambio di denti da latte in 4,5-5 mesi, a seconda della razza e delle caratteristiche individuali.

A volte i gattini vengono vaccinati a 2 mesi con un vaccino completo, compreso un ceppo inattivato del virus della rabbia. In questo caso, la rivaccinazione viene effettuata dopo 2 settimane, secondo le istruzioni.

Preparazione vaccinazione contro la rabbia

Per minimizzare il rischio di complicanze, è necessario condurre una preparazione adeguata per la vaccinazione. Consiste nell'effettuare la sverminazione e la trasformazione di un animale da ectoparassiti 7-10 giorni prima della vaccinazione.

Durante la settimana prima di visitare la clinica, è necessario monitorare attentamente lo stato del gatto. In caso di febbre, letargia, segni di esacerbazione di patologie croniche o cambiamenti nel comportamento, vale la pena posticipare il vaccino e attendere un recupero completo.

Anche durante questo periodo, non è consigliabile apportare modifiche radicali nel menu, trasportare l'animale, esporre a ipotermia, surriscaldamento e altri fattori di stress.

È importante! Immediatamente prima dell'iniezione, lo specialista veterinario è obbligato a condurre la termometria e l'esame del gatto al fine di identificare possibili patologie.

Cosa fare dopo la vaccinazione

I proprietari inesperti spesso non sanno cosa fare dopo la vaccinazione, al fine di alleviare le condizioni del loro animale domestico e non danneggiare la sua salute.

Subito dopo l'iniezione, è necessario rimanere in clinica per un quarto d'ora, in modo che in caso di reazione allergica ai componenti del farmaco, lo staff possa fornire assistenza qualificata al gatto.

Tre settimane dopo la vaccinazione dell'animale domestico è indesiderabile fare il bagno, trasportare su lunghe distanze, esporre a stress.

È importante! Poiché i gatti appartengono a creature gelose, non dovresti iniziare altri animali durante questo periodo. L'apparizione nella casa di una nuova creatura può causare un forte spavento, portando ad una forte diminuzione dell'immunità.

Controindicazioni

Esistono numerose controindicazioni alla vaccinazione, tra cui:

  • esaurimento
  • malattie infettive
  • invasioni elmintiche,
  • обострение хронических болезней,
  • недобор веса или аномалии развития у котят,
  • подъем температуры тела.

Делать прививки от бешенства беременным и кормящим самкам стоит только при возникновении угрозы заражения. In altri casi, è meglio rimandare la vaccinazione fino al completo recupero e allo svezzamento dei bambini.

Validità e frequenza di rivaccinazione

La formazione dell'immunità contro il virus della rabbia dopo la vaccinazione si conclude dopo 21 giorni e dura un anno. Ma alcuni produttori indicano che la validità e la frequenza della rivaccinazione con i loro preparati raggiunge i tre anni. Questo vale per i vaccini Nobivac rabbia, Defensor-3, Rabizin.

Tuttavia, dovresti sapere che nelle zone svantaggiate la vaccinazione viene effettuata annualmente, anche con l'uso degli strumenti sopra elencati.

I veterinari consentono le vaccinazioni negli animali vecchi una volta ogni 2-3 anni, a condizione che vivano in un'area che è libera da rabbie.

Reazione alla vaccinazione contro la rabbia

Nella maggior parte dei casi, i gatti tollerano bene la vaccinazione e non vi è alcuna reazione negativa al vaccino.

Alcuni animali domestici possono sperimentare letargia a breve termine, perdita di appetito o disturbi digestivi, che scompaiono entro un giorno dall'iniezione. Anche un piccolo gonfiore indolore nel sito di iniezione è una norma accettabile.

Possibili complicazioni ed effetti collaterali

Ma i proprietari devono conoscere le possibili complicazioni e gli effetti collaterali che richiedono un intervento medico.

Questi includono:

  • aumento della temperatura corporea di oltre 1 ©,
  • vomito ripetuto o diarrea,
  • convulsioni,
  • mancanza di coordinamento dei movimenti,
  • rifiuto completo del mangime per più di due giorni,
  • forte dolore e arrossamento nell'area di iniezione,
  • sbavando,
  • scarico dal naso e dagli occhi.

La complicazione più pericolosa è lo shock anafilattico, che è un tipo di reazione allergica ai componenti del farmaco. Di solito si manifesta nei primi minuti dopo la vaccinazione, quando l'animale è ancora nella clinica e il medico può fornire assistenza tempestiva.

Fasi di infezione

Si ritiene che il periodo di incubazione per lo sviluppo della rabbia dipenda dalla distanza del punto di ingresso del virus dalla testa.

I principali sintomi del primo stadio della malattia nei gatti sono: malessere generale, dolore muscolare, nausea, tosse, febbre e rifiuto di mangiare. Il sito di infestazione è infiammato, causando bruciore. e il prurito e il disagio per l'animale.

Il secondo stadio della rabbia è caratterizzato da una salivazione abbondante nel comportamento del gatto e maniacale. L'animale domestico inizia a lanciare contro i proprietari, mordendo, cercando di scappare.

Con l'inizio del terzo stadio, l'animale malato sperimenta forti convulsioni e spasmi, viene colpito da paralisi e alla fine si verifica la morte.

Il corso della rabbia può essere letargico con manifestazioni temporanee di miglioramento del benessere di un animale domestico.. Ma questi sono falsi segnali di ripresa..

Se il gatto è stato morso da un animale rabbioso fortemente, ha ferite profonde, quindi probabilmente rabbia violenta, che durerà circa tre giorni. In questo caso, l'animale malato diventerà ossessivo, la mancanza di appetito sarà sostituita dal desiderio di mordere oggetti non destinati al cibo (gambe di sedie, per esempio). Quindi il gatto soffre di vomito, diarrea.

Come funzionano i vaccini, tipi di vaccini

I vaccini usati per le vaccinazioni contengono virus soppressi.. Iniezione intramuscolare stimolano la produzione di anticorpi che si accumulano nel corpo e distruggono i virus attivi se sono presenti.

Tutti i vaccini sono divisi in "vivi" e "morti".

I "vivi" contengono nella loro composizione ceppi di rabbia indeboliti in laboratorio: i batteri non possono dare inizio alla malattia, ma proliferano attivamente. I farmaci vaccinali di questo gruppo includono: Katavac Chlamydia, Leukorifelin, Quadricat, Primucell FTP e altri.

Dopo l'introduzione di un vaccino di questo tipo nei gatti, la pseudo-malattia si manifesta, permettendo al corpo di sviluppare un'immunità forte e duratura.

Vaccini inattivati ​​o morti contenere il virus della rabbia fisicamente ucciso (da alte temperature, esposizione alle radiazioni) o chimicamente (con alcol o formaldeide). Questi farmaci includono: Rabizin, Chlamykon, Felovaks LV-K, Felovaks e altri.

Il vaccino antirabbico è pericoloso?

Per prima cosa devi capirese le vaccinazioni per la rabbia sono pericolose. Dal momento che, nonostante i significativi progressi nel campo della medicina veterinaria, nella società c'è uno stereotipo sull'insicurezza del loro uso.

I vaccini moderni sono assolutamente sicuri per gatti e altri animali. Per la maggior parte degli animali domestici, la vaccinazione è assolutamente indolore. Solo in una piccola parte, può causare una condizione apatica e perdita di appetito, ma ciò avviene in pochi giorni e non dovrebbe causare preoccupazione ai proprietari.

Quali sono le possibilità di vaccinazione e dove spenderlo

Oltre all'ovvio fatto di proteggere la salute di un gatto domestico e del suo proprietario, è necessaria anche una vaccinazione contro la rabbia per:

  • viaggi in Russia e all'estero,
  • partecipazione a mostre,
  • allevamento,
  • se il gatto rimane in sovraesposizione.

Inoltre, i dottori di alcune cliniche per la loro sicurezza possono rifiutare di servire il proprietario, l'animale che non è stato vaccinato.

Vaccinazione contro la rabbia non dovrebbe essere effettuato a casa. In primo luogo, il farmaco può causare una reazione allergica in un animale, e in questo caso non ci sarà un medico nelle vicinanze per aiutare. In secondo luogo, in tali condizioni di vaccinazione, le informazioni su di esso non possono essere inserite nel passaporto dell'animale con tutti i segni necessari.

È meglio vaccinare un gatto per la rabbia in una clinica veterinaria che è stata testata, dove il medico spiegherà come preparare l'animale per la vaccinazione e quali reazioni potrebbero seguire. Dopo aver esaminato tutte le procedure, il medico ne prenderà nota in un passaporto speciale dell'animale, dandogli una firma e un sigillo.

Prima e successive vaccinazioni

Al fine di proteggere te stesso e il tuo animale domestico dall'incontrare una tale malattia, è necessario vaccinarlo ogni anno. Questo vale per i gatti di tutte le età. e origine senza eccezione.

Il vaccino contro la rabbia è considerato uno dei più difficili da sopportare, quindi la primissima vaccinazione viene somministrata a un gattino non più giovane di tre mesi. A questo punto, l'immunità del bambino è già abbastanza forte e le buone intenzioni dei proprietari non porteranno a conseguenze spiacevoli per il cucciolo.

La prima vaccinazione viene effettuata in più fasi:

  • l'introduzione del primo vaccino all'età non prima di tre mesi,
  • rivaccinazione in 2-3 settimane,
  • introduzione del vaccino all'età di circa un anno.

L'ulteriore rivaccinazione dovrebbe essere effettuata ogni anno.

Azioni di accoglienza dopo la vaccinazione

Durante la formazione dell'immunità in un animale domestico dopo la prima vaccinazione o rivaccinazione, i proprietari dovrebbero seguire le seguenti regole:

  • non lasciare che l'animale fuori
  • eliminare il contatto con altri animali (anche se già familiari),
  • Non fare il bagno con un animale domestico appena vaccinato.

Se il gatto è stato morso da un animale randagio

Se il tuo gatto viene morso da un animale randagio durante una passeggiata, dovresti contattare immediatamente un veterinario con una descrizione del problema! Un medico esperto, molto probabilmente, non aspetterà il periodo di rivaccinazione, ma sarà vaccinato lo stesso giorno.

Dopo 10 giorni dal giorno Un morso da parte di un veterinario dovrebbe ancora una volta ispezionare l'animale alla ricerca di segni di infezione. Se vengono trovati, il gatto deve essere isolato per fare una diagnosi accurata. Allo stesso tempo isolamento durevole per almeno un mese e mezzo. Sfortunatamente, se viene confermata la presenza del virus della rabbia, sarà impossibile salvare l'animale.

Costo della vaccinazione

Il costo della vaccinazione di un gatto per la rabbia può variare. Dipende da diversi fattori:

  • vaccino antirabbico per gatti, che sarà usato durante la procedura,
  • la regione di residenza del proprietario del gatto con il suo animale domestico,
  • clinica veterinaria stessa.

Ci sono cliniche veterinarie di stato che forniscono vaccinazioni gratuite. Ma è probabile che utilizzino farmaci poco costosi con minore efficacia, sebbene possano fornire protezione per l'animale.

Se parliamo di cliniche private, non esiste una risposta esatta alla domanda su quanto costerà la procedura di vaccinazione. I confini dei prezzi iniziano approssimativamente da 300-500 rubli e fine intorno al 2000.

Primo stadio

Nel corpo, l'agente patogeno inizia a moltiplicarsi attivamente. Non ci sono sintomi chiari allo stesso tempo: un periodo nascosto o di incubazione passa prima della loro manifestazione. Visivamente in questo momento, il gatto può sperimentare letargia, rifiuto di mangiare, a volte tosse e febbre. L'area morsa infiamma, arrossisce e forma gonfiore intorno alla pelle danneggiata. Questi fenomeni sono accompagnati da prurito locale e sensazioni dolorose, causando disagio all'animale domestico.

Naturalmente, il gatto non può lamentarsi di ciò che la preoccupa. Tuttavia, qualsiasi veterinario praticante dirà che i dolori muscolari e la nausea sono caratteristici di questo stadio.

Secondo stadio

Caratterizzato da un aumento dei sintomi della malattia. Il gatto inizia a comportarsi in modo inadeguato, cercando di colpire e mordere il proprietario. A volte, un gattino malato mostra un'eccessiva ossessione, che è accompagnata da elementi di aggressività. Potrebbe esserci paura, desiderio di fuga. A volte viene registrata la fotofobia: il gatto tende ad andare nell'oscurità, a nascondersi. I sintomi sono accompagnati da salivazione, deglutizione deglutita e una serie di altre funzioni del corpo.

Terzo stadio

Il terzo stadio (terminale) è lo sviluppo di convulsioni e paralisi. Il gatto muore a causa di danni ai centri del tronco nel cervello che forniscono funzioni vitali (respiratorie, vasomotorie, ecc.).
Ci sono tre forme principali di manifestazione della rabbia:

  • violento, quando il gatto esprime tutti i segni della malattia con aggressività, irritazione, ingestione di oggetti non commestibili, ecc.,
  • paralitico, o silenzioso: il gatto allo stesso tempo sembra affettuoso e ossessivo, ma c'è una salivazione copiosa, difficoltà a deglutire, abbassamento della mascella,
  • atipico e più difficile da riconoscere: i sintomi del danno cerebrale sono nascosti e il virus si manifesta sotto forma di diarrea con sangue, vomito e stanchezza.

Attenzione! Se il tuo animale ha sintomi ed è stato morso da un animale randagio, consultare immediatamente un medico! Questo virus è estremamente pericoloso non solo per il gatto, ma anche per te!

Per proteggere te stesso e il tuo animale domestico, ci sono vaccinazioni contro la rabbia.

Il meccanismo d'azione del vaccino contro la rabbia e le loro varietà

La vaccinazione contro la rabbia è "destinata" a mobilitare le forze immunitarie. L'antirabbica non fa eccezione. In vari tipi di inoculo ci sono virus massimamente attenuati o i loro prodotti. In risposta all'introduzione di queste sostanze estranee, che sono antigeni, il corpo del gattino inizia a produrre anticorpi, cioè dispositivi di protezione. Ecco come si forma l'immunità.

Esistono vaccini "vivi", modificati e cosiddetti "morti" o inattivati. Nella composizione delle droghe viventi viene utilizzato indebolito e incapace di causare danni al virus animale, mentre il corpo su di esso produce protezione. I vaccini con un agente patogeno inattivato, la cui introduzione garantisce pienamente la sicurezza, sono considerati accettabili.

Applicare le vaccinazioni, salvare trascurabile, ma ancora la reale probabilità di riattivazione dell'agente patogeno. Tuttavia, tali vaccini antirabbici sono più efficaci.

Le monovaccine contenenti agenti solo contro questo virus e le polivacidi che formano una protezione contro diverse malattie pericolose vengono utilizzate come farmaci antirabbici. Va notato il monocomponente Nobivak Rabies (produttore - Paesi Bassi), dalla rabbia nei gatti, che viene utilizzato attivamente e raccomandato da molti veterinari. I seguenti farmaci sono simili:

"Quadricat" si riferisce ai polivacidi: protegge contro le infezioni da panleucopenia, rabbia, calicivirus e herpesvirus.

Le vaccinazioni sono a bassa tossicità, ben tollerate dai gatti, forniscono una forte immunità.

Attenzione! Quasi tutti gli animali infetti muoiono. Per proteggere l'animale dal pericolo mortale, dovresti vaccinarlo solo in tempo.

La vaccinazione può essere pericolosa?

Come ogni cosa nel mondo moderno, la medicina veterinaria non si ferma e le sue conquiste in campo farmacologico si sono fatte avanti molto tempo fa. Viene prodotta una serie di farmaci sicuri ed efficaci che inducono lo sviluppo di un'immunità intensa.

Non temere per il tuo animale domestico: i vaccini sono stati ripetutamente testati su animali da laboratorio e messi in produzione con successo. Dopo la loro introduzione negli animali domestici, a volte si osservano solo lieve letargia o apatia, perdita di appetito e raramente ipertermia, che nella maggior parte dei casi si verificano anche con la vaccinazione contro altri virus. Questi sintomi non dovrebbero essere allarmanti, vanno via senza cure veterinarie.

Quali attività non saranno consentite in assenza di marchi di vaccinazione

La protezione contro la malattia mortale del tuo amato animale domestico è un vantaggio innegabile delle vaccinazioni. Se non lo separi anche durante i viaggi e durante vari eventi, sarà estremamente difficile fare a meno del passaporto del veterinario. È necessario nei seguenti casi:

  • se hai intenzione di viaggiare all'estero con il tuo animale domestico,
  • quando partecipano a mostre di gatti di razza,
  • per la registrazione della documentazione pertinente per la riproduzione,
  • quando si viaggia nel trasporto pubblico, in aereo, in treno, vi verrà richiesto di avere un documento veterinario,
  • se è necessario mantenere il gatto in assenza del proprietario.

Vaccinazioni, particolarmente il primo, è desiderabile tenere in una clinica veterinaria sotto la supervisione di uno specialista. Potresti avvertire una reazione allergica all'introduzione del farmaco. A casa, senza le conoscenze e le capacità adeguate per aiutare l'animale sarà difficile.

Ci sono opzioni quando un veterinario arriva a casa prima di una chiamata. In questo caso, farà tutte le manipolazioni necessarie e metterà dei segni sul passaporto dell'animale.

Prima vaccinazione: quando fare e come agire nelle fasi successive

I casi di malattia degli animali da strada sono registrati periodicamente in tutte le regioni della Russia, quindi è molto importante condurre l'intero ciclo di vaccinazione in tempo e correttamente.

In un piccolo gattino, l'immunità non è pronta per un tale carico. Ma dopo aver raggiunto l'età di tre mesi, al bambino viene somministrata la prima iniezione contro la rabbia.

Attenzione! Non è permesso immunizzare i cuccioli al di sotto dei 3 mesi di età. Questo può influire negativamente sulla loro salute!

L'immunizzazione iniziale avviene in tre fasi:

  • il primo è di tre mesi o più
  • il secondo - dopo 14-21 giorni,
  • dopo aver raggiunto un anno.

Le rivaccinazioni successive di un animale adulto vengono effettuate una volta all'anno.

Preparare l'animale per la vaccinazione

Al momento della vaccinazione contro la rabbia, l'animale deve essere completamente sano, altrimenti dopo la procedura potrebbero esserci complicazioni o la vaccinazione non avrà l'effetto desiderato. Prima di tutto, è necessario eseguire la sverminazione.

10-14 giorni prima dell'iniezione, è necessario acquistare un farmaco antielmintico (in pillole o in forma di gel) in una farmacia veterinaria e somministrarlo a un gatto 2 ore prima dell'alimentazione. Allo stesso tempo, seguire rigorosamente le istruzioni, osservare il dosaggio e il peso dell'animale.

È importante liberare il gatto da "ospiti" indesiderati sulla pelliccia - pulci e zecche. Per fare questo, dovrebbe essere trattato con agenti insetticidi speciali, la cui gamma è ampiamente rappresentata nelle farmacie russe (gel, aerosol, gocce, shampoo).

Prima della procedura, il medico esamina l'animale. Chiarisce se ci sono state anomalie comportamentali recenti, se l'appetito è peggiorato. La vaccinazione deve essere posticipata o annullata nelle seguenti circostanze:

  • il gatto è in stato di gravidanza o ha un periodo di allattamento (allattamento),
  • il corpo è stato indebolito da una malattia infettiva che era stata sperimentata nell'ultimo mese o c'era un intervento chirurgico,
  • è stato trattato con agenti antibatterici
  • per qualche motivo la temperatura è elevata.

Assicurati che i fattori sopra elencati non siano presenti e che il gatto sia sano, puoi procedere con la procedura. Allo stesso tempo, il veterinario che ha vaccinato contro la rabbia incolla l'etichetta del vaccino sul passaporto veterinario e ne fa una voce appropriata.

Attenzione! La prima volta che gli animali vengono immunizzati all'età di 9-15 mesi. Se per qualche motivo questo periodo è mancato, la vaccinazione viene effettuata solo dopo aver cambiato i denti da latte. Dopo un ciclo completo di vaccinazione antirabbica, l'immunità viene mantenuta fino a tre anni.

Come guardare un gatto dopo la vaccinazione

Immediatamente dopo la vaccinazione, l'animale domestico non è raccomandato per essere lasciato fuori a fare una passeggiata, per due settimane il gatto non dovrebbe entrare in contatto con i suoi "fratelli", così come con altri animali. Tale precauzione è consentita al fine di evitare ulteriori infezioni che possono indebolire il corpo, così come la superinfezione da un animale infetto da rabbia. Ancora dovrebbe astenersi dal nuoto.

Per diversi giorni - monitorare le condizioni generali del gatto, la sua risposta alla temperatura. I suddetti sintomi reversibili simili ai vaccini di solito scompaiono dopo 3-4 giorni. Se questo non accade, e il gatto mantiene una temperatura, ci sono eruzioni cutanee, altri fenomeni comuni - è necessario informare il dottore su di esso.

Gatto morso da animali randagi? Обратитесь к специалисту!

К сожалению, случаи бешенства у «беспризорных» зверушек – не такая уж редкость. Вам явно приходилось видеть, как стаи собак совершают нападения на мирно разгуливающих с хозяевами домашних питомцев: мол, не ваша территория!

Il tuo animale ha morso? Non sprecare un minuto, contatta il tuo veterinario. Esaminerà l'animale e deciderà la questione delle ulteriori vaccinazioni. Può fare una vaccinazione contro la rabbia, senza aspettare la scadenza.

Per dieci giorni, il medico controllerà il gattino. In questo momento, l'animale dovrebbe essere isolato. Solo dopo questo periodo sarai in grado di rimuovere una quarantena rigorosa.

Se vengono rilevati i sintomi della malattia, ahimè, il tuo animale è condannato, e rappresenterà anche una potenziale minaccia per altre persone e altri animali.

Se un gatto si comporta normalmente dopo 10 giorni, senza rivelare segni di inadeguatezza e aggressività, l'osservazione dinamica e l'isolamento sono estesi a 1,5 mesi.

Prezzo di vaccinazione: qualità o vita

Il costo dei vaccini antirabbici varia ampiamente da 300 a 2000 rubli. Dipende da molti fattori. I veterinari di Stato usano farmaci a basso costo e meno efficaci. I veterinari privati ​​usano i vaccini purificati per la rabbia dei principali produttori con il minor numero di effetti collaterali.

Inoltre, ci sono monovalenti (solo per la rabbia nei gatti) e agenti polivalenti (più una serie di altre infezioni pericolose), che influisce sul prezzo. Il costo è anche influenzato dalla regione di residenza, dal produttore e dallo stato della clinica a cui è stata applicata.

Spendendo in tempo le vaccinazioni necessarie, proteggi il tuo animale da tutti i pericoli e salva la tua salute!

Come viene trasmessa la rabbia

Il virus si trova in grandi quantità nelle ghiandole salivari dell'animale malato. Si è scoperto che nella saliva dei cani malati il ​​virus compare già 10 giorni prima dei primi sintomi della malattia. Quando la saliva entra in una ferita quando viene morsa o semplicemente sulla pelle danneggiata, il virus della rabbia entra nel corpo e viaggia lungo le fibre nervose fino al midollo spinale e al cervello. Più è breve la distanza, più velocemente si sviluppano i segni della rabbia in un animale o una persona infetta. Pertanto, i morsi più pericolosi nella testa o al collo.

Quasi il cento per cento dei gatti malati di rabbia muore. Le persone morse praticano la vaccinazione preventiva, il cui principio si basa sul fatto che il virus del vaccino si diffonde in tutto il corpo più velocemente di quello "selvaggio" e il sistema immunitario riesce a sviluppare protezione. Dovresti sapere che quando compaiono i primi sintomi della malattia, la vaccinazione è inutile.

Perché ho bisogno di un vaccino contro la rabbia?

Come è già chiaro, la vaccinazione dei gatti per la rabbia è l'unico modo affidabile per prevenire l'infezione di animali domestici e familiari. Nelle città, cani e gatti sono il serbatoio del virus, e nelle aree svantaggiate, che, a proposito, sono molto numerose in Russia oggi, la vaccinazione di cani e gatti contro la rabbia è obbligatoria.

Un gatto domestico ha bisogno di essere vaccinato contro la rabbia? C'è un'opinione secondo cui un animale che vive esclusivamente in casa non ha bisogno di prevenire la malattia. Non è così, perché la vaccinazione potrebbe essere necessaria, ad esempio, in questi casi:

  • il gatto è uscito accidentalmente in strada,
  • l'animale sarà esportato all'estero,
  • l'appartamento contiene altri cani e gatti che camminano per strada,
  • roditori che possono essere portatori del virus entrano in casa.

Inoltre, è necessaria la vaccinazione per gli animali che partecipano a mostre e allevamenti o lasciati in sovraesposizione. Inoltre, per la sicurezza del personale, alcune cliniche veterinarie rifiutano di trattare animali non vaccinati contro la rabbia.

Quando devo essere vaccinato?

Elenchiamo i casi in cui la vaccinazione contro la rabbia è obbligatoria.

  1. Cat Show Il veterinario non permetterà l'animale all'evento, se non vi è alcun segno sulla vaccinazione nel passaporto.
  2. Allevamento tribale.
  3. L'animale vive in una città o in un villaggio ufficialmente dichiarato sfavorevole per la rabbia.
  4. Rimozione di gatti all'estero.

In tutti i casi, il marchio di vaccinazione è inserito nel passaporto dell'animale e deve essere confermato dalla firma e dal sigillo del veterinario. Indicano anche i dati sul vaccino introdotti o incolla l'etichetta sulla bottiglia sul passaporto. Poiché l'immunità del gatto non si sviluppa immediatamente, l'animale deve essere vaccinato non meno di un mese prima della data dell'evento (mostra, esportazione all'estero), ma non più di 11 mesi. La quarantena dopo la vaccinazione contro la rabbia nei gatti è facoltativa.

Come inoculare

Come fa un gatto a vaccinare contro la rabbia? Per l'evento è necessario prepararsi in anticipo. La preparazione per la vaccinazione contro il gatto rabbia è.

  1. Due settimane prima di andare dal medico, agli animali vengono somministrati farmaci anti-worming: Drontal, Pyrantel, Dekaris, Alben C e altri.
  2. Sbarazzati di pulci, lava il gattino con shampoo da zoo.
  3. Alcuni giorni prima della vaccinazione, controllano attentamente il loro stato di salute, l'appetito dell'animale domestico e misurano la temperatura corporea il giorno prima.

Esistono controindicazioni alla vaccinazione contro il gatto della rabbia:

  • aumento della temperatura corporea
  • sensibilità individuale ai componenti del vaccino,
  • la presenza di malattie infettive
  • esacerbazione di malattie croniche.

Il giorno della vaccinazione, il veterinario è obbligato ad esaminare l'animale, a misurarne la temperatura e ad ascoltare le lamentele del proprietario sul benessere dell'animale.

Il vaccino antirabbico somministrato a un gatto dipende dal tipo di vaccino utilizzato. Di solito il farmaco viene iniettato per via intramuscolare nella coscia, meno frequentemente per via sottocutanea nella zona della scapola. La quantità di fluido iniettata per la maggior parte dei vaccini è 1 ml, che corrisponde a una singola dose.

Tutti i produttori non raccomandano la somministrazione contemporanea di vaccini di società diverse. L'introduzione del vaccino contro la rabbia e altri farmaci della stessa azienda, ma in luoghi diversi da diverse siringhe (per esempio, nella coscia sinistra e destra) è consentita. Esistono tali vaccini contro la rabbia, che possono essere utilizzati come diluente per altri, ad esempio "Nobivak Rabies" in combinazione con "Nobivak DHPPi", "Nobivac DHP".

Quanto spesso vaccinare un gatto

Quanto funziona la vaccinazione contro la rabbia sui gatti? Tutti i vaccini esistenti richiedono una somministrazione annuale. L'eccezione è la preparazione della società olandese Intervet, chiamata Nobivak Rabies. Nei cani e gatti, forma l'immunità per un massimo di tre anni. Ma c'è una sfumatura. In caso di collisione con i servizi veterinari ufficiali - ad esempio, quando si esporta all'estero - verrà richiesto il vaccino annuale, nonostante il tempo specificato nelle istruzioni per il farmaco.

Quante volte per vaccinare contro il gatto della rabbia, in questo caso, decidere il proprietario. Se "Nobivak Rabies" è impostato "per se stesso", allora una volta ogni tre anni è sufficiente. Inoltre, alcuni veterinari raccomandano di applicare una simile rivaccinazione delicata per gatti anziani o malati cronici.

Reazioni al vaccino antirabbico

Il benessere di un gatto dopo la vaccinazione contro la rabbia di solito rimane buono. I farmaci moderni sono fabbricati tenendo conto delle caratteristiche del metabolismo dei gatti. Ma prima nel nostro paese usava il vaccino contro la rabbia, un conservante in cui era fenolo - un composto estremamente tossico per i gatti. Pertanto, anche ora si può sentire l'opinione che la vaccinazione dei gatti contro la rabbia sia una procedura estremamente pericolosa. In realtà, non lo è. La reazione alla vaccinazione contro la rabbia nei gatti è del tutto assente o si manifesta con una leggera inibizione dell'attività per 2-3 giorni dopo la visita dal medico. Con la somministrazione sottocutanea del farmaco può formarsi un lieve gonfiore, che si risolve da solo in una o due settimane.

Come con l'introduzione di qualsiasi prodotto biologico, la vaccinazione di un gatto rabbia può dare un effetto collaterale, che manifesterà una grave reazione allergica del corpo - shock anafilattico. In questo caso, il veterinario fornisce assistenza di emergenza all'animale. Pertanto, dopo ogni vaccinazione, si consiglia di attendere 15-20 minuti e solo dopo questo periodo lasciare la clinica.

Tipi di vaccini usati

Quali vaccini antirabbici per gatti sono usati oggi per prevenire la malattia? Ce ne sono molti, ci sono preparativi di produzione nazionale e importata. La principale differenza è nella forma del virus rappresentato. Esistono vaccini contro la rabbia vivi e inattivati ​​(uccisi).

Vantaggi dei vaccini vivi:

  • rapida formazione dell'immunità (7-10 giorni),
  • alto livello di protezione
  • basso costo

Svantaggi dei vaccini vivi:

  • dare più complicazioni
  • perché la formazione dell'immunità richiede una duplice introduzione del virus,
  • non raccomandato per l'uso in gatti in gravidanza e in allattamento, animali deboli.

Per questi motivi, la maggior parte dei veterinari lavora con vaccini antirabbici inattivati.

È inoltre necessario tenere presente che ogni medico e ogni clinica ha le sue preferenze nella scelta di un produttore. Di norma, tutti lavorano con una società fornitrice permanente, che garantisce la qualità della preparazione e il corretto immagazzinamento durante il trasporto.

Di seguito sono riportati i nomi dei vaccini antirabbici per gatti:

  • "Rabikan"
  • Rabisin,
  • "Rabbia di Nobivak",
  • "Nobivak Forcat",
  • "Nobivac Tricat",
  • "Defensor-3"
  • Purevax RCP,
  • Purevax RCPCH,
  • "Kvadrikat"
  • "Leukorifelin"
  • "Felovaks".

Riassumendo, notiamo i seguenti punti chiave. La rabbia è una malattia pericolosa, non solo per gli animali, ma anche per gli esseri umani. Pertanto, è necessario vaccinare tutti i gatti, anche se il vostro animale domestico non lascia l'appartamento. Per la vaccinazione, i vaccini prevalentemente inattivati ​​sono usati sia in monovariant sia in combinazione con altre infezioni. La prima iniezione viene somministrata al gattino all'età di tre mesi e un'ulteriore rivaccinazione viene eseguita una volta all'anno. I moderni farmaci per gatti sono ben tollerati, senza apparenti complicazioni.

Guarda il video: 091126 RABBIA SILVESTRE: VACCINARE I CANI ENTRO IL 31 GENNAIO (Giugno 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send

zoo-club-org